COME FUNZIONANO GLI ALGORITMI DEI SOCIAL MEDIA?

Social media

I social media svolgono un ruolo enorme nella vita dell’italiano medio. In effetti, a partire dal 2017 Facebook era il terzo sito Web più visualizzato al mondo, dopo Google e YouTube. Con così tanti utenti su queste piattaforme, è stato necessario creare un ordine e un algoritmo.

Gli algoritmi dei social media cambiano sempre, rendendo difficile tenere il passo con i codici di condotta di marketing. Non c’è modo di conoscere ogni dettaglio che entra in ogni cambiamento, ma abbiamo una buona idea. A seconda della piattaforma utilizzata, le aspettative dei social media saranno diverse. L’algoritmo in gioco determina il posizionamento degli annunci sui social media e il posizionamento dei contenuti.

In questo testo, scoprirai cos’è un algoritmo, i diversi algoritmi di social media e come ottimizzare i tuoi contenuti per i social media.

Cosa sono gli algoritmi dei social media?

Un algoritmo è un insieme matematico di regole che specifica come si comporta un gruppo di dati. Nei social media, gli algoritmi aiutano a mantenere l’ordine e aiutano a classificare i risultati di ricerca e gli annunci pubblicitari. Su Facebook, ad esempio, esiste un algoritmo che dirige le pagine e i contenuti da visualizzare in un determinato ordine.

A partire dall’anno scorso, c’erano circa 4 miliardi di utenti Internet e, di questi utenti, circa 3 miliardi erano sui social media. È un’impresa enorme da monitorare e gestire. Ecco perché gli algoritmi sono così cruciali nel determinare la validità e il posizionamento degli account e dei contenuti dei social media.

Sebbene non ci sia un manuale sui molti algoritmi e su come mantenerli, sappiamo abbastanza per manovrare il panorama dei social media e avere successo. Uno dei principali cambiamenti a cui è stato assistito negli ultimi anni è un focus di facile utilizzo, molto simile a quello di Google. Ciò incoraggia gli utenti dei social media a inviare contenuti pertinenti e di alta qualità e a interagire con i consumatori.

Tipi di algoritmi di social media

Tipi di algoritmi di social media

Gli algoritmi dei social media variano in base alla piattaforma. Pertanto, puoi scomporlo per marchio di social media. Le piattaforme principali sono Facebook, Pinterest, LinkedIn, Twitter e Instagram. Ecco uno sguardo a ciascuno e come stanno attualmente classificando contenuti e utenti.

Facebook

Un significativo coinvolgimento dei clienti è la chiave del layout dell’algoritmo di Facebook. È stato creato per intensificare l’importanza e il pubblico di posti locali, familiari e amichevoli, piuttosto che di posti di lavoro.

I contenuti a pagamento sono classificati separatamente, ma ruotano ancora intorno al coinvolgimento, alla risposta dei clienti e alla pertinenza dell’argomento. Mentre il contenuto intuitivo è la chiave qui, un’altra strategia che l’algoritmo di Facebook ha adottato di recente è la gestione dello spam. Nei primi tre mesi del 2018, Facebook ha individuato e scartato oltre 500 milioni di account falsi .

Pinterest

Sebbene Pinterest abbia un layout molto diverso e una strategia di follower, conta comunque come una piattaforma di social media. Il suo metodo di ricerca guidata utilizza i dati raccolti dalle interazioni passate di contenuti per incoraggiare nuovi collegamenti. Ad esempio, se hai già visualizzato acconciature da sposa, Pinterest è più probabile che ti mostri più acconciature al prossimo accesso.

Il vantaggio di questo algoritmo a tema di interesse è che mostra sempre all’utente qualcosa che Pinterest sa che gli piace. Ciò rende più probabile che il contenuto venga consumato e apprezzato.

LinkedIn

Riconosciuto come leader nel marketing B2B, LinkedIn è una piattaforma social dedicata al networking, piuttosto che alla creazione di follower. Attualmente è la piattaforma più comune per l’ utilizzo dell’azienda.

Il sito ha sviluppato un algoritmo basato sulla connessione e sul coinvolgimento, quindi i contenuti forti e pertinenti sono la chiave del successo di LinkedIn. Anche se non hai molti link nella tua catena di networking, puoi crearlo con il “seguito” se hai contenuti degni di lettura.

Twitter

Twitter è unico in quanto classifica i suoi post non solo in relazione all’utente ma alla data e ora pubblicate. La notizia giornaliera e aggiornato si colloca al di sopra delle notizie di un giorno. Il numero di commenti che ha un Tweet influenzerà anche il suo grado.

Instagram

Instagram consiste nel mostrare a quante più persone il maggior numero possibile di informazioni in un giorno. Pertanto, il suo algoritmo si concentra su ogni aspetto dei social media, dalla pertinenza e dalla connessione all’impegno e alla popolarità dei contenuti.

Il ragionamento alla base dell’algoritmo di Instagram è di incoraggiare commenti, condivisioni, Mi piace, aggiunte e ulteriori post.

7 suggerimenti per ottimizzare i tuoi contenuti per qualsiasi piattaforma di social media

1. Crea brevi video

Crea brevi video

Sappiamo che ai consumatori piace vedere contenuti misti nei contenuti, ma i video si sono dimostrati i preferiti. Gli esperti di marketing che utilizzano video nelle loro campagne pubblicitarie ricevono ogni anno il 66% di lead qualificati in più rispetto a quelli che non lo fanno. Un breve video non solo ha una maggiore possibilità di essere consumato per intero durante una rapida scansione dei social media, ma richiede meno tempo e risorse per creare e pubblicare.

L’opzione video live di Facebook è un modo ottimale per coinvolgere i follower e monitorare le metriche relative al tuo video. Una volta terminata la parte live del video, questo rimane disponibile per la visualizzazione, quindi gli utenti collegati al tuo profilo non si perdono.

2. Creare contenuti che invitano l’interazione

L’interazione dell’utente sembra il favore dell’utente nei bot del crawler dei social media. Più mi piace, condivide e commenta i tuoi contenuti, più appare favorevole. La pubblicazione di contenuti che invita gli utenti a interagire e interagire migliora il posizionamento e incoraggia la fedeltà al marchio. Alcuni esempi di contenuti interattivi includono:

  • Domande e risposte dell’azienda
  • Interviste dal vivo
  • Sondaggi e quiz sui follower
  • Promozioni incentrate su Mi piace e condivisioni
  • Concorsi di sottotitoli di foto

3. Evoca umorismo ed emozione

Che si tratti di un meme divertente o di un video toccante su un animaletto che si manifesta da solo, evocare un’emozione umanizza il tuo marchio.

4. Rispondi

Sembra una strategia troppo semplice per funzionare ma raggiungere i clienti nei commenti è noto per essere una strategia di successo. Nei social media, molte aziende aspettano che i consumatori arrivino da loro. Questo non deve essere il tuo caso. Raggiungi, commenta, metti mi piace, condividi anche contenuti interessanti che sono rilevanti per il tuo marchio.

Hai rilevanza per gli altri clienti quando ti vedono interagire e aumenta la possibilità che tu possa ricevere commenti.

5. Segnala le notizie

Rimanere aggiornato sulle novità del settore è un modo sicuro per stupire i follower dei social media. Ti contraddistingue come un’autorità nel tuo campo e dà loro un motivo per guardare la tua pagina di volta in volta. Ad esempio, se rappresenti un’azienda nel settore della moda, i suoi follower potrebbero intravedere la nuova linea Spring. Seguiranno i tuoi post nella speranza di vedere altre notizie di cui stanno guardando.

6. Invita follower dentro

 Invita follower dentro

Le aziende possono apparire rigide e ostinate ai follower, il che dipinge il marchio del tuo cliente come una cosa, non una persona. Quando pubblichi contenuti umanizzati affini, come immagini di dirigenti e personale, si aprono le porte a persone vere e volti reali. Dai una sbirciatina al pubblico dietro il sipario con:

  • Un video “un giorno nella vita di”
  • Rotazione settimanale dei contenuti da parte dei singoli membri dello staff
  • Foto divertente della settimana dall’interno dell’ufficio
  • Un giro sul posto di lavoro
  • Dimostrazioni dal vivo di prodotti o servizi

7. Chiedi quello che vuoi

Sembra semplice perché lo è. Gli esperti di marketing non devono lottare per stabilire connessioni: puoi chiederle. Gli utenti dei social media si chiamano così perché sono social. Interagiscono regolarmente e colgono l’occasione per aiutare un marchio che frequentano. Richiedi tag, Mi piace e condivisioni quando pubblichi i tuoi contenuti regolari. Pensalo come un invito all’azione atipico.

Solo, invece di chiedere ai tuoi follower di Twitter di chiamarti per un preventivo gratuito, stai chiedendo loro di taggare gli amici nel tuo post o condividerlo se gli è piaciuto quello che hanno visto. Questo è un grande finale per una qualsiasi delle idee di contenuto sopra.

Approfitta degli algoritmi dei social media

Se impari qualcosa da questo articolo, si spera, è che gli algoritmi possono aiutare, non ostacolare. Alcuni utenti dei social media considerano gli algoritmi come delle corde che ci legano a una specifica serie di regole, ma creano anche una mappa per il successo. Sta imparando a leggere quella mappa che ti aiuterà a superare i concorrenti e salire in cima.

Sia che tu stia utilizzando i social media per le tue esigenze di marketing o che rappresenti un cliente, queste piattaforme rappresentano un grande vantaggio per il traffico e il ROI. Con un sovraccarico basso (sono gratuiti, dopo tutto) e un impegno minimo in termini di tempo, i social media hanno la capacità di produrre entrate maggiori con un output minimo o nullo.

Iscriviti alla Newsletter

Condividi ai tuoi amici

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

5 commenti su “COME FUNZIONANO GLI ALGORITMI DEI SOCIAL MEDIA?”

    1. Questo è un articolo davvero utile per chi vuole sfruttare i social per promuovere e far conoscere la propria azienda!
      Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *